AQUARIUS, LA SPARATA DI ORLANDO: “VERREMO PROCESSATI PER GENOCIDIO”

246

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, vuole aggiungere i fatti della Aquarius all’esposto fatto alla Corte dell’Aia nel 2017: “Verremo processati per genocidio”

Le parole hanno un peso. E Leoluca Orlando lo sa bene. Tanto che stamattina, ospite a Coffee Break su La7, parlando delle vicende della Aquarius non ha temuto a usare espressioni molto dure.

“Si farà un secondo processo di Norimberga – ha detto in studio – e noi verremo processati per genocidio. E a differenza dei nostri nonni non potremo dire che non lo sapevamo“.

È vero o non è vero che i migranti sono persone?“, si chiede il sindaco di Palermo. E ancora: ” vero o non è vero che il diritto inrtenazionale stabilisce che bisogna salvare in mare a qualunque costo? Quando questo non si fa, a mio avviso, si violano i diritti umani”. Poi Orlando racconta di aver già presentato alla Procura della Repubblica di Roma, al presidente della Commissione Ue, a quello del parlamento europeo e alla Corte dell’Aia nel dicembre del 2017 un esposto contro le istituzioni europee perché “ritengo che l’attuale normativa europea è criminogena e produce crimini, alcuni commessi dagli Stati”. Il sindaco di Palermo racconta di aver ricevuto una risposta “imbarazzata” da parte di Avramopulos e di essere in attesa delle decisioni dell’Aia. Ma promette che aggiungerà “a quello che ho già esposto quello che sta succedendo in questi giorni”. E il riferimento, ovviamente, è alla questione Aquarius e alla chiusura dei porti ordinata da Salvini e Toninelli. “Si farà un secondo processo di Norimberga – assicura Orlando – e noi verremo processati per genocidio. E a differenza dei nostri nonni non potremo dire che non lo sapevamo“.

via Il Giornale