ARMATI E PERICOLOSI: MIGLIAIA DI MIGRANTI CORRONO VERSO L’ EUROPA

782

Media austriaci : decine di migliaia di migranti armati di coltelli si stanno preparando per un ingresso nell’Unione Europea
Più di 20mila migranti dall’Asia e dall’Africa si sono radunati sul confine tra Bosnia e Croazia e stanno per fare un passo in avanti verso l’Europa centrale, sulla base di quanto riferito dai  media austriaci. Secondo i giornali, i migranti sono armati di coltelli e stanno dirigendosi in Germania e in Scandinavia. Uno dei poliziotti che li ha afrontati è già stato pugnalato. La Croazia sta spingendo ulteriori forze militari verso il confine.

Più di 20 mila migranti si sono radunati al confine tra Bosnia e Croazia, con l’intenzione di irrompere nei paesi dell’Europa centrale. Lo riferisce il giornale austriaco Kronen Zeitung , citando il ministero degli interni austriaco .

Allo stesso tempo, si riferisce che il 95% dei migranti sono giovani uomini, secondo le note dell’articolo, molti di loro sono armati di coltelli. Questi migranti hanno già tentato di uccidere uno dei poliziotti , come riferito dal Ministero degli affari interni austriaco.

“Non ci sono donne e bambini con loro.  Nella massa di migranti si nota che questi non sono profughi siriani, la maggior parte dei migranti provengono dal Pakistan, dall’Algeria, dal Marocco e dall’Iran. I migranti vogliono andare in Germania e nei paesi scandinavi “,

Le autorità croate hanno aumentato le misure di sicurezza per proteggere il confine nella città bosniaca di Velika Kladusa. “Le autorità croate <…> hanno posto unità speciali al confine”, ha riferito il dipartimento austriaco per le migrazioni.

La situazione sul confine bosniaco-croato si è congestionata a metà ottobre. Successivamente circa 250 migranti hanno assediato il checkpoint “Malevac”, hanno rotto il cordone di polizia e sono finiti sul ponte verso la Croazia. La polizia ha usato attrezzature speciali e barricate, cercando di respingere i trasgressori. Di conseguenza, sei migranti e cinque agenti di polizia sono rimasti feriti .

Bosnia polizia pronta a respingere

Le autorità della Bosnia-Erzegovina, a loro volta, riferiscono che ci sono circa 10 mila migranti entrati nel paese. Molti di loro hanno distrutto i loro documenti ed è quasi impossibile identificarli.

La popolazione locale è anche preoccupata dall’afflusso di migranti che creano disordini vicino alle loro case. Allo stesso tempo, gli esperti bosniaci suggeriscono che entro il 2019 potrebbero radunarsi nella zona fino a 50.000 rifugiati provenienti da paesi dell’Asia e dell’Africa.

Nello stesso periodo, all’inizio di novembre, i capi di diversi stati dell’Europa centrale e orientale hanno rifiutato di firmare il Patto mondiale proposto dalle Nazioni Unite per la migrazione sicura. Secondo i leader di Croazia, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca e Polonia, questo documento è destinato ad aumentare il flusso di migranti, soprattutto quelli illegali.

Il Patto delle Nazioni Unite dovrebbe essere una raccomandazione, ma molti paesi percepiscono alcune delle sue disposizioni come un’intrusione nella loro sovranità.

Il capo del settore dei problemi regionali e conflitti IMEMO Primakov dell’Accademia delle Scienze russa, Konstantin Voronov, ha affermato che non si dovrebbe sopravvalutare la svolta austriaca, riferisce NSN .
Secondo lui, Vienna sceglie con cura ciò che non può essere d’accordo con la propria politica estera con altri paesi.

“È impossibile considerarlo come qualcosa di epocale. Il fatto che un paese rispettoso della legge come l’Austria, con una neutralità garantita, abbia disobbedito ai funzionari mondiali testimonia una certa tendenza. <…> L’Austria è un paese piccolo, quindi è in disaccordo con qualcosa che non lo è. E questo, secondo me, suggerisce che gli austriaci non vogliono assumersi obblighi eccessivi, a loro non piace la tendenza globalista. Così è normale che, da qualche parte, si permettono di opporsi a organismo come l’ONU”, ha sottolineato l’esperto.

Bosnia Border

L’esperto ha aggiunto che Vienna determina la sua politica migratoria nel quadro dei documenti dell’UE , e non solo con quelli delle Nazioni Unite.

“L’Austria <…> costruisce barriere di confine, fa avanzare le sue magre forze armate. Secondo me, questa è una manifestazione di un diverso approccio alla visione burocratica dettata da diversi documenti “,
Nel prossimo futuro, il flusso migratorio verso i paesi europei non si fermerà, ha detto il capo del Parlamento europeo, Martin Schulz . Secondo la FAN , il presidente del Parlamento europeo, in una conversazione con i giornalisti, ha osservato che tutti gli europei si trovano in una situazione che non ha precedenti e non ci possono essere scuse.

Shultz ha ricordato che recentemente il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha sottolineato che la migrazione è diventata un problema globale. Ban aveva detto che recentemente circa 60 milioni di persone sul pianeta sono state costrette a ritirarsi dalle loro case per salvare le loro vite e i propri cari, per scappare dalla guerra e andare in fuga in cerca di una vita migliore, e la maggior parte di loro è andata in Europa .
“Noi europei sappiamo che esistono regioni destabilizzate vicine ai nostri confini. Sarebbe molto pericoloso dire alle persone in Europa che la situazione si fermerà “- ha sottolineato Schulz.

Lo stesso Shulz tuttavia ha omesso di chiarire quali siano state le cause della destabilizzazione di vaste aree del Medio Oriente e dell’Asia cantrale (Afghanistan) perchè in quel caso avrebbe dovuto menzionare le responsabilità degli USA e della NATO e con essi di alcuni paesi europei che hanno appoggiato e sostenuto le guerre americane con effetto di destabilizzazione causato in quei paesi da cui adesso procedono ondare di migranti e di profughi verso l’Europa. Questo argomento Martin Schulz ha evitato di trattarlo.

Fonte: Gazeta.ru

Traduzione: Sergei Leonov

via Controinformazione