CAPUOZZO: “ORA BASTA FALSITÀ GLI UOMINI DELL’ISIS SONO REALMENTE MUSULMANI CHE “RIMPROVERANO” AD ALTRI MUSULMANI”

122

Toni Capuozzo è diventato un fumetto. Ne La culla del terrore. L’odio in nome di Allah diventa Stato (Signs Publishing, 2018) l’inviato di Mediaset, tramite immagini e didascalie, racconta la metamorfosi del terrorismo islamico negli ultimi 15 anni.

Il libro verrà presentato il prossimo 11 maggio alle 11.30 presso il Museo del fumetto a Milano, in viale Campania 12.

Come è stato cambiare mezzo per comunicare?

“Lavorare in televisione significa lavorare con le immagini, che raccontano ciò che vuoi dire. Il servizio migliore è quello formato da sole immagini e senza parole. Raccontare una storia con i fumetti in un certo senso è come fare televisione”.

Nel libro si ripercorre la metamorfosi del terrorismo islamico, dalla guerra in Iraq fino ad oggi…

“Innanzitutto, ho raccontato come è cambiato il terrorismo islamico da giornalista e non da studioso. C’erano colleghi italiani che definivano “resistenti” i combattenti contro gli Stati Uniti in Iraq. Erano anni in cui la situazione irachena veniva letta alla luce della politica italiana ed esser contro la guerra significava esser contro Berlusconi e gli Stati Uniti giudicati invasori. I movimenti in Iraq nel 2003 erano in realtà le prove generali dello Stato islamico. Lo dimostrano anche i nomi dei leader che si sono succeduti nel tempo. All’epoca erano sigle che a noi sembravano esotiche e surreali ma che in realtà erano gli antenati dello Stato islamico. L’Isis, non a caso, verrà proclamato in Iraq, a Mosul. Per loro è stato un ritorno alle origini”.

Ma dice così perché sono passati molti anni e ora è tutto più chiaro o lo aveva già compreso allora?

“Per me, intituitivamente, era chiaro che questo tipo di terrorismo, parlo di Nassiriya e degli attacchi agli americani, non era solo quello che restava della dittatura di Saddam, ma si stava incrociando con il fondamentalismo. Era un processo che si stava verificando altrove, in Cisgiordania e a Gaza. C’erano molti segni di una crescita di una componente religiosa nel terrorismo mediorientale. Il problema palestinese si impone con i dirottamente aerei e tra le figure più radicali c’erano diversi leader palestinesi cristiani. Era un terrorismo che affermava la causa palestinese di marca ideologica e non confessionale. Nel tempo, però, si è affermato un terrorismo in cui la religione pesa tantissimo”.

Qual è l’obiettivo del suo libro?

“Una delle cose che ho cercato di fare con questo libro è di spiegare come gli uomini dell’Isis siano realmente musulmani che rimproverano ad altri musulmani – quelli che non aderiscono al messaggio della violenza – di non essere buoni musulmani. Non riesce il giochino rassicurante per noi (e assolutorio per l’islam) che abbiamo già fatto con le Brigate rosse. Fino a quando milioni di musulmani non si renderanno conto di questo e lo elegeranno a pericoloso nemico interno allora le forme del terrorismo e il messaggio dello Stato islamico non morirà”.

Però lo Stato islamico è più simile all’Arabia Saudita (nostro alleato, almeno sulla carta) che alla Siria di Assad (che invece osteggiamo)…

L’Arabia Saudita sta attraversando un momento di cambiamento (non sappiamo quanto vero) ed è uno dei più grandi sponsor del fondamentalismo sunnita. Sicuramente sul piano teorico, ma spesso anche sotto banco tramite finanziamenti. Questo è parte di una visione dell’islam conservatore che è il wahabismo e dall’altra anche della lotta contro l’Iran e ad Assad, che gli è vicino. I nostri rapporti sono dettati da ipocrisia: il mondo arabo ci va bene quando fornisce petrolio e investimenti. e a incomprensione della realtà e di errori che abbiamo già compiuto: buttare giù Assad significa fare gli stessi errori fatti con Gheddafi in Libia. In nome di abbattere tiranni veri o presunti pensando che li sostituiranno democrazia si distruggono gli Stati. Non sappiamo sceglierci gli amici: a volte per ignoranza, a volte per ipocrisia.

Fonte: qui