DOPO I FATTI DI MACERATA SINISTRA COMPATTA CONTRO SALVINI

24

Serracchini, Grasso e Boldrini accusano la Lega per il “clima d’odio” in Italia

Leggiamo su Il Giornale:

Si apre già lo scontro politico a pochi minuti dall’arresto di Luca Traini, il 28enne che ha aperto il fuoco a Macerata, scatenenado il panico in città mentre prendeva di mira alcune persone di colore.

Già candidato consigliere comunale con la Lega a Corridonia, nella provincia marchiagiana, ha ferito quattro persone impugnando una Glock a bordo della sua Audi e colpendo anche la sede locale del Partito Democratico, per poi essere fermato dai militari dell’Arma.

Su twitter, a pochi minuti dall’arresto, le parole del governatore friulano Deborah Serracchiani, che ha invitato “chi come Salvini e Fedriga fa l’occhiolino agli estremisti” a prendere “immediatamente le distanze”.

Non è l’unica la Serracchiani ad attaccare in questi minuti il segretario leghista, con Roberto Saviano che sui social network sostiene che è lui il “mandante morale” della sparatoria. E Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguale, che rincara la dose: “Chi – come Salvini – strumentalizza fatti di cronaca e tragedie per scopi elettorali è tra i responsabili di questa spirale di odio e di violenza che dobbiamo fermare al più presto. Odio e violenza che oggi hanno rischiato di trasformarsi in una strage razziale. Il nostro paese ha già conosciuto il fascismo e le sue leggi razziali. Non possiamo più voltarci dall’altra parte, non possiamo più minimizzare”.

“Quanto accaduto oggi a Macerata – ha ribadito poi la presidente della Camera, Laura Boldrini – dimostra che incitare all’odio e sdoganare il fascismo, come fa Salvini, ha delle conseguenze: può provocare azioni violente e trasforma le nostre città in un far west seminando panico tra i cittadini. Basta odio, Salvini chieda scusa per tutto quello che sta accadendo”.

“Chiunque spari è un delinquente – ha risposto Salvini alle critiche -, a prescindere dal colore della pelle. Ma è chiaro ed evidente che un’immigrazione fuori controllo, un’invasione come quella organizzata, voluta e finanziata in questi anni, porta allo scontro sociale”.

via Il Giornale