FRANCIA, “ALLAH AKBAR”. E SGOZZA SORELLA E MADRE

66

L’Isis ha rivendicato l’attacco all’arma bianca compiuto oggi a Trappes, alle porte di Parigi, costato la vita a due persone e all’aggressore schedato come islamista radicale. Lo riferisce France Info via Twitter, precisando tuttavia che si tratta di una rivendicazione da prendere con cautela, perché la pista di una “lite familiare” non stata “ancora scartata” dagli inquirenti.

I fatti: a Trappes un uomo ha accoltellato e ucciso due persone, prima di trincerarsi in una casa gridando “Allah è grande”. L’aggressore è stato poi ucciso in seguito all’intervento delle forze speciali della polizia. Le due vittime sono la madre e la sorella dell’uomo, un 36enne schedato come islamista radicale e già condannato per apologia di terrorismo. In seguito all’attacco è rimasta ferita anche una vicina di casa delle due donne.

Malgrado l’uomo abbia gridato “Allah è grande” e una rivendicazione dell’Isis sia arrivata puntualissima, poco dopo l’accoltellamento, gli inquirenti restano molto prudenti sulle motivazioni. 

via Il Populista