MANOVRA, SALVINI: «NON FACCIAMO MIRACOLI, MA MIGLIORERÀ LA VITA DEGLI ITALIANI»

29

«Non moltiplichiamo pani e pesci ma certamente la nostra manovra economica renderà migliore la vita degli italiani». È il tweet mattutino del vicepremier Matteo Salvini a commento del decreto fiscale approvato ieri sera dal governo. «Dopo 137 giorni di questo governo, onore e onere, sono contento degli impegni fin qui mantenuti. E non molleremo!».

Salvini: la manovra aiuterà gli italiani

Il ministro dell’Interno poi si concentra sulla politica di contrasto alla droga: «Stanotte 14 arresti fra Salerno, Roma, Napoli e Siracusa, altri 17 arresti in provincia di Trieste. Grazie alla Polizia di Stato, che sta catturando e togliendo dalle strade decine di venditori di morte».

Di Maio: nessun contrasto con la Lega

Anche Luigi Di Maio punta i riflettori sul via libera alla nota al Def: «Vedo tante testate giornalistiche, che hanno interpretato la manovra economica come una partita, sull’orlo di una crisi di nervi. Per alcuni ha vinto la Lega, per altri il M5S. Noi abbiamo detto che non avremmo fatto scudi fiscali né condoni. Il governo – chiarisce il vicepremier grillino – ha utilizzato degli istituti già esistenti, come la dichiarazione integrativa o il saldo e stralcio sotto i 1000 euro. Noi andiamo a aiutare, principalmente, le persone in difficoltà». Intervistato da Radio Radicale Di Maio ha negato l’esistenza di un braccio di ferro tra Lega e Cinquestelle sui provvedimenti da adottare e da sfruttare poi in chiave elettorale elle prossime europee. «Non c’è nessuna vittoria o sconfitta di nessuno, ricordo però che è il primo anno che in Italia non si fa lo scudo fiscale. La voluntary disclosure che i governi di centrosinistra avevano fatto negli ultimi anni, non si rifarà. I capitali portati in nero all’estero e fatti rientrare pagando una piccola quota, non verrà riproposta. È un piccolo passo in avanti, perché noi abbiamo sempre detto che vogliamo aiutare chi è in difficoltà e non dare un privilegio ai grandi evasori».

via Secolo d’Italia