MORTE DESIRÉE, SALVINI: ‘FARÒ DI TUTTO PERCHÉ I VERMI COLPEVOLI DI QUESTO ORRORE PAGHINO FINO IN FONDO’

21
Foto Vincenzo Livieri - LaPresse 23-10-2018 - Roma Cronaca San Lorenzo. Manifestazioni davanti allo stabile dove è morta Desirée Mariottini. Nella foto Matteo Salvini Photo Vincenzo Livieri - LaPresse 23-10-2018 - Rome News Demonstrations in front of the building where Desirée Mariottini died. In the picture Matteo Salvini

“Due immigrati clandestini fermati stanotte per lo stupro e la morte di Desirée, altri due ricercati.
GRAZIE alle Forze dell’Ordine, farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia”.

Lo ha scritto il vicepremier Matteo Salvini su Facebook.

Ieri il ministro, che è stato contestato dai centri social e applaudito da alcuni cittadini al quartiere San Lorenzo a Roma, aveva scritto sul social network:

“Stuprata e ammazzata a 16 anni, non è possibile.
Desirée avrà giustizia, lo prometto, e le bestie assassine (di qualunque nazionalità siano) marciranno in galera. E che schifo quei pochi idioti dei centri sociali che, anche oggi, hanno dimostrato di preferire il caos all’ordine, gli spacciatori ai poliziotti.
Un fiore, e Giustizia, per Desirèe”.

Sulla tragica vicenda della sedicenne romana si è espresso anche l’altro vicepremier, Luigi Di Maio, che ha affermato sempre su Facebook:

“Giustizia per Desirée Mariottini! È questo il grido di dolore che oggi si leva dal quartiere San Lorenzo e la gente ha ragione a essere incazzata. E lo sono anche io. Desirée aveva 16 anni ed è stata drogata, stuprata e brutalmente assassinata in centro a Roma in uno stabile occupato, in una bolla d’illegalità e degrado la cui esistenza era nota a tutti.
Non posso neanche immaginare cosa stiano provando in questo momento i suoi genitori, la sua famiglia e i suoi amici e niente potrà riportare indietro Desirée. Ma una cosa è certa: deve essere fatta giustizia e alla svelta.
Ci deve anche essere la consapevolezza che questa tragedia è stata causata da una serie di sistemi che non funzionano più da tempo, che hanno letteralmente collassato”.

“Come governo inseriremo un emendamento per iniziare ad ampliare i poteri di Roma Capitale e del suo sindaco per iniziare da subito a governare la città come i sindaci di tutte le capitali europee ed entro fine anno completeremo gli obbiettivi fissati nel contratto di governo.
Giustizia per Desirée Mariottini,” ha concluso.

via Silenzi e Falsità