SALVINI: “IL MIO NEMICO? RENZI E IL SUO MALGOVERNO”

45

“Chi è il mio avversario? Il mio avversario è Matteo Renzi e il suo malgoverno del Paese”. Lo ha detto oggi il segretario e candidato premier della Lega, Matteo Salvini, rispondendo ai giornalisti mentre raggiungeva il Centro diocesano di Livorno per una iniziativa elettorale. “Casa mia, cioè l’Italia, avrà la porta aperta per chi scappa dalle guerre. La mia casa non sarà mai di spacciatori nigeriani o assassini come quelli di Pamela. In Italia resta chi ha i documenti in regola e viene per lavorare. Chi viene in Italia per fare casino verrà rimpatriato con biglietto di sola andata”, ha poi detto al pubblico presente in sala.

“Se c’è chi ritiene che la donna valga meno dell’uomo, o sia obbligata a camminare in strada bendata, mascherata da carnevale, se c’è chi pensa questo tu con la Lega la moschea non la fai in Italia, la fai a casa tua, nel tuo Paese!”, ha aggiunto in un altro passaggio. E dal pubblico si sono levati applausi.

E ancora: “Sono stato stamani a Piombino. Mi auguro che quest’accordo per le acciaierie non sia l’ennesima presa in giro per gli operai, una nuova presa in giro come ce ne sono già state”. In tal caso, ha sottolineato il candidato premier, “lo Stato deve intervenire perché lo Stato sono i cittadini, per la difesa dell’azienda, dell’acciaio, e dell’occupazione, che son cose fondamentali. Se non ce la fa il privato, deve intervenire lo Stato”.

Nella sala gremita di pubblico, oltre 200 persone; prima di parlare Salvini ha stretto mani e si è fatto un selfie collettivo. All’esterno, una volta uscito, un gruppetto di antagonisti, vigilato a distanza da polizia e carabinieri ed evidentemente ancora fermo al passato, ha intonato Bandiera rossa trionferàe lo ha insultato con vari epiteti. Il leader leghista li ha ignorati. L’appuntamento adesso è per domani, a Milano in piazza Duomo, dalle ore 15, per la manifestazione “Prima gli italiani”.

via Il Populista