UE ORA CHIEDE DI “NON CAMBIARE POLITICA SUI MIGRANTI”: MA NON ERANO PER IL RISPETTO DI SCHENGEN?

262

Anni a dirci, a ripeterci come una brava maestrina, che non rispettiamo gli accordi di Schengen sui confini esterni ai Paesi europei firmatari.

Altrettanti anni a ricordarci che la maggior parte delle persone che sbarcano sulle nostre cose sono “illegali”, leggasi “clandestini”, per quanto alla Carta di Roma dia fastidio tale definizione, per quanto la considerino inaccettabile per continuare ad applicare il loro bavaglio sui giornalisti onesti.

L’Europa, adesso, chiede al futuro governo di “non cambiare politica sui migranti”. Di conseguenza, per proprietà transitiva, proseguire nel mancato rispetto di Schengen e nell’incoraggiamento all’immigrazione clandestina.

A Bruxelles dovrebbero decidere quale sia la loro versione ufficiale. O sono a favore o sono contro l’immigrazione. Non esiste una via terza. Nel frattempo, Salvini pare abbia dato una risposta, se non altro, di dignità. E’ giusto fargli, almeno in questa sede, un in bocca al lupo.

(di Stelio Fergola) – Oltre la Linea